[Amarcord] 1/7/2007 Eragon – Il Film: storia di un libro annunciato.

Un libro passabile, un pessimo film…
********************************************************************************
Ok… Poche ciancie: stasera cosa fare, ho il Tuccio in casa, e sento Dea Botte. L’idea è di andare a vedere Eragon… Il libro non è male. Si legge bene, scorre tranquillo. E’ scritto da un 15enne, e si vede, ma nel complesso si legge bene. Per cui tutti a vedere il film. Avevo ricevuto voci contrastanti in proposito, ma ho pensato che ne potesse valere la pena… Sarà stato così? Scopriamolo.
NOTA BENE: Sto per cominciare la recensione del film. Se qualcuno non l’ha visto e non si vuole perdere la sorpresa, non legga. Siete avvisati.
Entriamo nel cinema. Ci sediamo. Sono in una buona posizione, non ottima, ma buona. Comincia il film. E subito si nota una strana discrepanza: la voce narrante parla di una “guerra sanguinosa” fra i cavalieri dei draghi. Chissà se hanno letto bene il libro, perchè in questo non c’è traccia di questa fantomatica guerra. Ma si sa… That’s Hollywood. Bene. Dopo questo piccolo svarione, si comincia in verità bene. La scena dell’assalto all’elfa è resa molto bene. Piace, è dinamica. E poi c’è Aria che è un pezzo di ragazza che non lascia indifferenti…
Dopo le cose iniziano ad andare piuttosto male. Compare Brom, che dovrebbe essere un mentore, mentre sembra solo un povero pazzo. Nel frattempo assistiamo all’evoluzione di Eragon Skywalker. Si, perchè decisamente ha parentele con Luke. Quando il cugino di Eragon parte, lui si siede su una roccia a guardare le montagne, triste per la separazione. Dice, e dove sarebbe la parentela con Luke? Semplice, nei vestiti. Appena l’ho visto ho detto: “Cazzo, maè vestito come uno Jedi!”
Il bello è che più avanti Eragon indosserà anche il tipico saio con cappucico dei cavalieri Jedi. Passiamo oltre: Brom dovrebbe addestrare Eragon all’uso della spada ed insegnargli le parole dell’Antica Lingua, in modo da poter padroneggiare la magia. La trasposizione filmica è la seguente: Brom insegna tre parole di numero a Eragon per insegnargli la magia, e per il combattimento lo addestra prendendolo per i fondelli durante un combattimento nel quale lo umilia pure saccagnandolo di legnate. Tutto qui. Due giorni dopo, Eragon è capace di combattere come un soldato esperto, e tira incantesimi come se fosse Merlino. Ma, dice, dove hai lasciato il drago? Beh, il drago è fatto piuttosto bene. Graficamente, intendo. A livello di doppiaggio, hanno preso una giornalista con un accento milanese così spiccato che mi faceva venire le convulsioni. Inoltre una voce del genere che esce da un drago è solo ridicola. L’incontro con Angela, la veggente è quanto di più idiota si possa immaginare: come prima cosa avviene in un villaggio che non c’entra niente. Ma su questo potremmo sorvolare, visto che i tempi vanno compressi e la veggente è fondamentale nella storia. Mentre nel film è una tizia allucinata, che tira profezie a strappo. Manca il gatto mannaro, che ok, magari non fa nulla di utile, ma faceva folclore. Sorvoliamo sull’arrivo alla valle dei Varden, e soffermiamoci sulla città nascosta dentro una montagna che teoricamente dovrebbe essere così alta da mandare in debito di ossigeno anche Saphira. Scopriamo che è una baraccopoli che nemmeno nei ghetti brasiliani si immaginano, nascosta in una collinetta di si e no 2000 metri (che è una collinetta, perchè una montagna tanto alta da impedire di sorvolarla a dorso di drago dovrebbe andare sugli 8000 o più). Insomma una chiavica. Nemmeno fosse Ankh Morpork. E a questo punto soffermiamoci sulle razze umanoidi: elfi e nani. Gli elfi sono praticamente una via di mezzo fra indiani e deficienti in costume (per tacere degli umani Varden, il cui capo è un nero, e fin qui tutto bene, no ay problema, ma se si veste come un egizio iniziano a partire gli insulti), fa eccezione Aria che anche vestita come una squaw, rimane un pezzo di figliola che sa il cielo dove l’han trovata (mentre a me piacerebbe sapere dove si trova ora, ma questo è un altro discorso). Dicevamo degli elfi… sono fondamentalmente indistinguibili dagli umani, eccettuato quando si vestono per combattere, che sembrano dei deficienti in armatura che si sono scordati i costumi da indios addosso. Dice, ma almeno i nani si riconosceranno, no? Sono nani, porca trottola. Si, si riconoscono tranquilli. Per le barbe. L’altezza trae in inganno… visto che il più basso è più o meno 1,65 se non 1,70… Ovvero quello che sarebbe considerato un tipo molto alto, fra i nani. Vorrei tacere delle armature dei nani… ma siccome sembrano dei deficienti vestiti da tuareg (cioè con un velo – in cotta di maglia! Ma si può? – che gli copre metà del viso), e non si capisce se i deficienti dentro l’armatura sono nani o umani. Tendo a pensare che siano umani, visto che ho notato qualche nano senza elmo. Ma ho pensato fossero nani solo per via della barba… potrei anche sbagliarmi… Infine il combattimento con Durza: stavo per vomitare. Una cosa tragica, oserei dire. Sorvolo.
I miei commenti fuori della sala (mentre altra gente entrava a vederlo):
“Non si può vedere un film così. E non si può sentire. Che merda di film. Fa cagare”
E così via. La soddisfazione di vedere la gente che ci guardava già pentendosi di aver buttato 7 euro è stata consolante. Poi mi sono ripreso pensando ai lobotomizzati che sono andati a vedersi nella sala accanto (si, era un cine multisala) Natale a New York. Ho pensato che in fondo poteva andarmi peggio.
La serata è finita al Pub davanti ad un litro di birra ed una focaccia…
Sono le 3:47… io ho finito. Un potenziale capolavoro rovinato così. Che tristezza.

Pubblicato il dicembre 31, 2008 su Amarcord, Film. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 6 commenti.

  1. Potenziale capolavoro?!!
    MA dico io stiamo scherzando?!!
    E’ UN PLAGIO PLAGIO PLAGIO PLAGIO PLAGIO PLAGIO!!!!!!!!!

  2. Il film aveva le potenzialità per essere ottimo. La storia, sebbene banale aveva spunti interessanti.

  3. ok ho letto abbastanza….ci sono tutte le critiche al film,perchè è orribile,ma definire eragon una storia banale no…è un libro fantastico scritto da un ragazzino di 15 anni..logicamente non scrive come il plurilaureato tolkkien,di cui sono un fan accanito,però a soli 15 anni si è inventato 2 lingue e,partendo da una storia banale,ci ha mostrato un mondo fantastico in cui perdersi….secondo me blackstorm o non capisci un cazzo o non hai letto il libro

  4. non so se l’hai capito ma “il partendo da una storia banale”era per prenderti per il culo

  5. Brom, primo ti invito a moderare i toni. Secondo, io ho il diritto di esprimere le mie opinioni. Il libro è banale, non c’è un momento in cui mi abbia sorpreso o anche solo stupito. Il film è orribile. Se a te e’ piaciuto probabilmente sei l’unico. Il problema del suddetto ragazzino di 15 anni non è il come scrive. E’ la storia. A proposito, impara a scrivere. Venirtene sul mio blog a insultare gratuitamente e senza saper scrivere, oltre a dimostrare una età mentale di più o meno un anno, ti rende ridicolo. A soli 15 anni si è inventato due lingue? Uh… wow. Sai che ci vuole. No, non paragonarlo a Tolkien, nemmeno per scherzo. Le “lingue” di Paolini sono state inventate come contorno alla storia. A differenza di quelle di Tolkien. Secondo me, brom, tu spari giudizi a caso. Trovami un solo punto in cui il libro in qualche modo riesce a stupirti, qualcosa di imprevedibile. Uno solo. Io potrò anche non capire un cazzo, dal momento che il libro l’ho letto. Peccato che in compenso tu, oltre ad essere un perfetto nessuno che è così coraggioso da nascondersi dietro un presunto anonimato per poter insultare gratuitamente chi non la pensa come te, sia anche un perfetto imbecille, dal momento che come disse Salvor Hardin, la violenza è l’ultimo rifugio degli imbecilli. E se non sai chi è Hardin, prova a leggere qualcosina in più, invece di difendere l’indifendibile. E impara a prendere per il culo, che nemmeno quello ti riesce. Ciò detto, se vuoi intervenire ulteriormente, modera i toni, altrimenti mi vedrò costretto a eliminare i tuoi commenti.

  1. Pingback: [Amarcord] 1/7/2007 Eragon - Il Film: storia di un libro …

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: