Requiescat In Pace

Lunedì 9 febbraio, ore 20.10. Muore Eluana Englaro. Non si può rimanere indifferenti, in un modo o nell’altro. Il giudizio non è semplice, bisognerebbe trovarsi lì. Con una figlia che non riprende coscienza da 17 anni. Al di là delle facili retoriche, io penso solo che, quattro giorni o una settimana, o anche due, questa ragazza ha sofferto i sitomi della privazione di cibo e liquidi. Far morire un figlio in questa maniera è veramente disumano, sia cosciente o meno. Però, almeno, è morta in fretta. Avrei preferito che vivesse, ma preferisco che sia morta subito piuttosto che patire per due settimane. E non mi si venga a dire che non stava soffrendo: i medici non possono saperlo, checchè ne dicano. E nel dubbio, visto che la morte cerebrale non è mai stata dichiarata, immagino che soffrisse.

Pubblicato il febbraio 10, 2009 su Vita. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: